ANTICHI SAPORI

L’AZIENDA

Sulle fertili pendici del Vesuvio la terra regala abbondanza di primizie. E non solo vino! Ma anche pregiati alberi da frutto e gustosi ortaggi.
In questo contesto tipicamente agricolo, nel comune di Cercola si affaccia la tenuta della nostra azienda “ANTICHI SAPORI” specializzata nel recupero delle tradizioni agricole tipiche del territorio vesuviano.
Il nostro obiettivo si concretizza nel tentativo di tramandare i sapori e i colori di una nobbile terra, mantenendo un sano equilibrio tra le tecniche contadine tramandate da generazioni, l’innovazione tecnologica e il territorio nella sua bio-diversità per ottenere prodotti di alta qualità, salubri e genuini e lavorati secondo antiche tradizioni.
Le nostre produzioni seguono le vocazioni locali e il loro carattere di stagionalità e sono trasformate e conservate con cura è passione per le tavole di tutti quelli che vogliono riscoprire il piacere dei sapori di un tempo.

LA NOSTRA ECCELLENZA

16

LA STORIA
Il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP, è una delle produzioni più antiche e caratteristiche dell’area del Vesuvio. La denominazione d’origine protetta (DOP) Pomodorino del Piennolo del Vesuvio, designa il frutto degli ecotipi di pomodorini della specie Lycopersicon esculentum Mill, riconducibili alle seguenti denominazioni popolari “Fiaschella”, “Lampadina”, “Patanara”, “Principe Borghese” e “Re Umberto” tradizionalmente coltivati nello stesso territorio di origine, aventi i seguenti caratteri distintivi: frutto di forma ovale o leggermente pruriforme con apice appuntito e leggera costolatura; buccia spessa. Le caratteristiche squadrature laterali vicino al picciolo e la punta “un pizzo”, all’estremità hanno dato origine ad uno dei soprannomi del pomodorino del vesuvio noto anche, appunto, come pomodoro “col pizzo”. Le caratteristiche distintive, a livello tecnico-mercantile, del prodotto ammesso a tutela sono: allo stato fresco: frutti di forma ovale o leggermente pruniforme con apice appuntito e frequente costolatura della parte peduncolare, buccia spessa di colore rosso vermiglio, pezzatura non superiore a 25 g, polpa di consistenza elevata e di colore rosso, sapore vivace intenso e dolce-acidulo; conservato al piennolo: colore della buccia rosso scuro, polpa di buona consistenza di colore rosso, sapore intenso e vivace. I “piennoli” o “schiocche” presentano un peso, a fine conservazione, variabile tra 1 e 5 chilogrammi. Agli effetti dell’azione di tutela si è riscontrato che l’aspetto peculiare di tipicità che accomuna i pomodorini vesuviani è l’antica pratica di conservazione “al piennolo”, cioè una caratteristica tecnica per legare fra di loro alcuni grappoli o “scocche” di pomodorini maturi, fino a formare un grande grappolo che viene poi sospeso in locali aerati, assicurando così l’ottimale conservazione del prezioso raccolto fino al termine dell’inverno. Nel corso dei mesi il pomodorino, pur perdendo il suo turgore, assume un sapore unico e delizioso, che soprattutto i napoletani apprezzano particolarmente per preparare sughi prelibati ed invitanti. E’ appunto il sistema di conservazione al “piennolo” che, favorendo una lenta maturazione, consente altresì una lunga conservazione, con la conseguente possibilità di consumare il prodotto “al naturale” fino alla primavera seguente.

LE CERTIFICAZIONI

16

Pomodorino del Piennolo del Vesuvio
L’Unione Europea con il Regolamento 2081/92 ha istituito il riconoscimento D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) Pomodorino del Piennolo del Vesuvio, con relativo marchio, per tutelare e promuovere la qualità di questo prestigioso prodotto legato alla tradizione e alla peculiarità del territorio Vesuviano. Questo marchio infatti ottenuto oramai nel 2009 con autorizzazione SP01, contraddistingue la nostra azienda agricola, che cerca di portare avanti questo prodotto promuovendolo nei mercati nazionali con notevoli soddisfazioni.

17
Sapori di campania
L’azienda ha ottenuto nel 2010 anche il marchio “Sapore di Campania”, Un marchio per la qualità e la tipicità nell’agroalimentare campano per valorizzare le risorse di tradizione e di cultura che esprimono i vari territori della regione. Le aziende aderenti al Marchio sono seguite fin dalle prime fasi da 50 tecnici specializzati, sono valutate per la qualità del prodotto offerto e dei servizi forniti, controllate secondo un sistema di certificazione di processo, e sottoposte alla vigilanza della Regione Campania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *